Volo Iran Air 655 viene abbattuto da una nave Americana

Volo Iran Air 655 viene abbattuto da una nave Americana

La guerra Iran-Iraq era cominciata nel 1980, ma a partire dall'aprile 1988, quando si cominciò ad assistere a ripetuti attacchi verso petroliere e navi mercantili provenienti o dirette ai paesi del Golfo Persico, gli Stati Uniti inviarono delle unità della US Navyper tutelare la navigazione (operazione Earnest Will).

Lo USS Vincennes, incrociatore Classe Ticonderoga agli ordini del comandante William C. Rogers III ed equipaggiato con il nuovo sistema AEGIS, salpò dal porto di San Diegoil 25 aprile e giunse in Bahrainil 29 maggio.

L'A300, pilotato dal comandante Rezaian Mohsen, decollò da Bandar Abbas il 3 luglio 1988 alle 10:17 (UTC+03:30), con un ritardo di 27 minuti rispetto all'orario di partenza previsto, e fu immediatamente autorizzato dal controllore di volo a procedere lungo l'aerovia Amber 59 che l'avrebbe portato a Dubai dopo solamente 28 minuti di volo. L'aereo trasmetteva regolarmente sul transponder e per tutta la durata del volo le comunicazioni radio vennero effettuate in inglese.

Alle ore 10:24 l’incrociatore USS Vincennes sparò due missili terra-aria SM-2MR contro quello che in un primo momento sembrò un aereo militare nemico, ma che in realtà era l'Airbus della Iran Air. L'aereo venne colpito alla coda e a un'ala ed esplose in volo, ne causò la distruzione e l'uccisione di tutti i 290 passeggeri, compresi 66 bambini.

Tra questi un Italiano, il tecnico Antonio Caputo.

L'incidente del volo 655 è attualmente l'ottavo più grave accaduto nel mondo per numero di vittime, il più grave che ha visto coinvolto un A300.

Al momento dell'abbattimento il Vincennes navigava in acque territoriali iraniane e il volo IR 655 si trovava nello spazio aereo iraniano.

l'Iran espresse scetticismo in merito al presunto errore di identificazione, in quanto venne rilevato che il Vincennes disponeva dell'avanzato sistema AEGIS che aveva correttamente monitorato il volo dell'Airbus e che lo aveva identificato come modo III (cioè civile), che altre due navi militari statunitensi che operavano nella zona, la USS Sidese la USS Montgomery, avevano identificato il velivolo come civile e che in aggiunta l'A300 stava percorrendo un'aerovia internazionale.

Nell'agosto del 1988 la rivista Newsweek pubblicò un articolo nel quale l'allora vicepresidente George H.W. Bush dichiarava che "gli Stati Uniti d'America non chiederanno mai scusa. Mai. Non mi interessa quali siano i fatti."

Il governo degli Stati Uniti espresse rammarico per la perdita di vite umane, ma non ammise mai l'errore né chiese scusa per l'incidente; il 22 febbraio 1996 accettò comunque di pagare un risarcimento ai parenti delle vittime per sospendere il procedimento in atto presso la Corte di Giustizia Internazionale.

Nel 1990 il Comandante Rogers fu insignito della Legion of Merit "per la condotta eccezionalmente meritoria nell'esecuzione del suo servizio di ufficiale comandante ... dall'aprile 1987 al maggio 1989." Il premio gli fu assegnato per il suo servizio come Ufficiale Comandante del Vincennes ma la citazione non fa menzione dell'abbattimento del volo 655.

Articolo di: Pietro Frattini



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento