Somalia – 1993, al check point Pasta gli italiani tornano in guerra

Somalia – 1993, al check point Pasta gli italiani tornano in guerra

È l’alba del 2 luglio 1993: scatta l’operazione Canguro 11. Si tratta di un rastrellamento, l’ennesimo, condotto per ripulire di armi e di ribelli il quartiere Uahara Ade, ovvero la zona attorno al Check-point “Pasta”, che prende il nome dal rudere di un complesso industriale - un pastificio, appunto - costruito con i soldi della cooperazione italiana. In questo luogo confluiscono il corso XXI Ottobre e la Strada Imperiale che porta verso Balad. È in questa zona che ormai da tempo i militari dell’Onu sono bersagliati da colpi di arma da fuoco di cecchini isolati.

Dal Villaggio Azzurro del Porto Vecchio si muovono gli uomini del raggruppamento “Alfa”: parte di loro ha il compito di isolare il lato destro della zona delle operazioni, mentre gli incursori del IX Col Moschin, appoggiati dai Carabinieri del Tuscanica e dai parà della V compagnia del 183° Nembo, porteranno a termine il rastrellamento. Il fianco sinistro, sul lato del pastificio, viene presidiato dai reparti del raggruppamento “Bravo” provenienti da Balad; in riserva rimangono, tra l’altro, otto carri pesanti M-60 della brigata Ariete e alcune blindo Centauro della cavalleria.

Complessivamente sono impegnati circa 500 uomini su Vcc-1 (trasporto truppe corazzato) e blindati Fiat 6614, appoggiati da un centinaio di poliziotti locali. Il ruolo C3 (comando-comunicazione-controllo) è affidato ad ufficiali a bordo degli elicotteri Ab 205, che solcano il cielo di Mogadiscio con i Mangusta A-129 d’assalto, pronti a segnalare eventuali pericoli e a coordinare il fuoco di reazione. Si tratta di un’operazione di routine - anche se in grande stile - il cui obiettivo è quello di rastrellare un quadrilatero di 400 metri per 700, compreso tra “Pasta” e “Ferro”, l’altro caposaldo italiano in un quartiere con un’alta densità di uomini della tribù Ha ber ghidir (i temuti guerriglieri del generale Aidid).

Nelle intenzioni del comando italiano l’imponente schieramento messo in campo dal generale Bruno Loi punta sull’effetto dissuasivo, considerata l’altissima tensione che non coinvolge più solo le fazioni locali in lotta tra di loro ma, da alcune settimane, anche le forze di peacekeeping internazionali. Intorno alle 06:00 una prima colonna si mette in movimento, snodandosi per le vie semideserte di Mogadiscio, superando il Check point “Pasta” e attestandosi all’interno della zone delle operazioni: sono scoperti parecchi depositi di armi, e alcuni somali sono fermati per essere interrogati. Arriva l’ordine di rientrare: anche Canguro 11 va in archivio.

I blindati invertono la marcia e si preparano ad uscire dal quartiere. “Alfa” si dirige verso “Ferro”, per poi convergere verso il Porto Vecchio; i militari del gruppo “Bravo” muovono verso “Pasta” per tornare a Balad: la testa di questa colonna è già giunta a destinazione quando iniziano i problemi. I primi disordini hanno luogo attorno alle 07:30 nella zona del gruppo “Alfa”: sulle barricate, sassi e alcune schegge di granata fanno i primi feriti.

L’aria è resa irrespirabile dal fumo acre dei copertoni in fiamme. Ma si tratta solo di un diversivo. Dietro alla folla di donne e bambini spuntano Ak-47 e Rpg. I cecchini cominciano a bersagliare sistematicamente gli italiani. Il fuoco è più intenso intorno agli uomini del gruppo “Bravo” impacciati anche dal sopraggiungere di alcuni mezzi del genio che intasano le strade: il sottotenente dei Lancieri di Montebello, Andrea Millevoi si sporge dalla torretta del suo Centauro per seguire l’evolversi della situazione; una pallottola lo colpisce alla testa, uccidendolo sul colpo.

Viene fatta confluire la riserva corazzata, che giunge dal Corso 21 Ottobre; i carristi non sono però autorizzati a far uso del proprio armamento pesante.

Tre Vcc-1 procedono a poca distanza uno d’altro, quando sono investiti da un feroce fuoco di armi automatiche. Il primo cingolato si piazza al centro dell’incrocio e risponde con le armi di bordo; la browning M2 da 12,7 mm e la Mg-42/59 da 7,62 mm investono con il loro fuoco le postazioni somale per coprire l’avanzata degli altri. Il secondo blindato lo segue, mentre il terzo ha fatto appiedare la propria squadra fucilieri, per mettere gli uomini in una migliore condizione di tiro.

I miliziani somali attaccano con lanciarazzi Rpg-7 il secondo Vcc, sul quale si trova, fra gli altri, Pasquale Baccaro, parà del 187°, che viene colpito a morte dal dardo infuocato mentre sta azionando la sua arma. Dentro il mezzo è l’inferno: il sergente maggiore Giampiero Monti ha l’addome squarciato, il paracadutista Massimiliano Zaniolo la mano devastata. Gli uomini del resto della colonna si schierano a raggiera per difendere i feriti e dar tempo ai soccorsi di arrivare. Il sottotenente Gianfranco Paglia coordina l’azione, mentre il Vcc più avanzato, allo scoperto, copre i soldati a terra al centro dell’incrocio stradale.

Si tratta di un vero e proprio corpo a corpo; il nemico non è a più di 20-30 metri, la reazione degli italiani è comunque decisa. Passano i minuti, le ambulanze e i soccorsi sono bloccati dal fitto fuoco avversario e dalle barricate. Il mezzo colpito dopo alcuni tentativi viene rimesso in moto, i feriti vengono caricati di nuovo a bordo, e l’unità lascia il luogo dell’agguato mentre l’intero quartiere è in rivolta. Si combatte ovunque, lungo la Via Imperiale, si spara dalle vie traverse, ed in particolare intorno al pastificio.

Un altro razzo colpisce la cupola di un M-60, mentre un altro carro risponde sparando in rapida successione otto colpi da 105 mm contro la zona da cui è partita la micidiale salva; il bersaglio è un gruppo di container e di catapecchie che fanno da riparo ai miliziani. Il capocarro apre il fuoco violando formalmente le “regole d’ingaggio”, ma nel cuore della battaglia qualcuno decide che si può rischiare una punizione se c’è in ballo l’incolumità dei propri camerati. La reazione somala diminuisce d’intensità; la XV compagnia del Nembo inizia a defluire verso Balad, mentre i mezzi speciali raggiungono il Porto Vecchio lungo la via Nazionale.

La tregua è di breve durata, e il combattimento riprende rabbioso a colpi d’arma da fuoco intorno al pastificio. Il comando italiano, dopo essersi ripreso dallo sgomento dell’imboscata, ordina un contrattacco che viene condotto dagli “specialisti” del Col Moschin e del Tuscanica. La reazione somala è inaspettatamente violenta. Si svilupperà un durissimo scontro casa per casa, durante l’assalto viene colpito a morte il sergente maggiore degli incursori Stefano Paulicchi. Alla fine dell’azione “Pasta” rimane in mano ai somali, anche perché il comando italiano preferisce non usare le armi pesanti per non causare una strage tra i civili inermi.

Gli italiani lasciano sul campo, oltre ai morti, 22 feriti, alcuni dei quali molto gravi; tra questi il sottotenente Paglia, che per l’eroismo dimostrato sul campo sarà insignito della più alta onorificenza.

Mentre le salme dei caduti rientrano in Italia, si alza il tono della polemica con le Nazioni unite. Il governo italiano infatti non condivide la strategia del comando unificato Unosom (ispirato dagli Usa), che favorisce l’approccio militare per cercare di risolvere il problema Somalia; tale approccio porterà al naufragio della missione Restore hope e - dopo le crude immagini dei ranger americani linciati dalla folla somala - ad un lungo disimpegno statunitense durato quasi dieci anni.

In memoria dei caduti:

  • Andrea Millevoi, Sottotenente del reggimento Lancieri di Montebello, Medaglia d'oro al valor militare (MOVM) alla memoria;
  • Stefano Paolicchi, Sergente Maggiore del 9º Reggimento d'assalto paracadutisti "Col Moschin", Medaglia d'oro al valor militare (MOVM) alla memoria;
  • Pasquale Baccaro, Caporale di leva al 186º Reggimento paracadutisti "Folgore", Medaglia d'oro al valor militare (MOVM) alla memoria.
Articolo di: Pietro Frattini



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento