Affonda la Costa Concordia

Affonda la Costa Concordia

La sera del 13 gennaio 2012 alle 21:45:05 la Costa Concordia, in navigazione da Civitavecchia a Savona per una crociera nel Mediterraneo urtò il più piccolo degli scogli de Le Scole, situato a circa 500 metri dal porto dell'Isola del Giglio: l'incidente provocò uno squarcio di 70 metri nello scafo.

A seguito del danno, Costa Concordia sbandò progressivamente sul lato di dritta (ovvero di destra), sino a sommergersi abbattendosi sul lato dritto, appoggiandosi al fondale e restando in larga parte emergente.

Mentre 4200 persone furono tratte in salvo (in prevalenza mediante le lance di salvataggio, e alcune centinaia, rimaste bloccate a bordo dopo il rovesciamento, mediante motovedette ed elicotteri), vi furono 32 morti, dei quali 30 corpi furono recuperati tra il momento del naufragio e la fine del marzo 2012; i resti degli ultimi 2 dispersi furono rinvenuti rispettivamente uno nell'ottobre 2013, dopo le operazioni di raddrizzamento per la rimozione della nave, l'altro il 3 novembre 2014, durante le operazioni di smantellamento della nave nel porto di Genova.

Francesco Schettino, il comandante della nave, è stato processato per omicidio colposo plurimo, lesioni colpose, naufragio e abbandono di nave e condannato in appello e Cassazione a 16 anni, oltre all'interdizione per 5 anni da tutte le professioni marittime.

La grande vicinanza della nave alla costa era causata dall'intenzione del commandante della Costa Concordia di rivolgere il cosiddetto saluto (inchino) all'Isola.

La Concordia risulta essere la nave passeggeri di più grosso tonnellaggio mai naufragata.

Articolo di: Antonio Schivardi



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento