L'esodo per la riconquista di Mosul

L

Nelle prime ore del 16 ottobre 2014, l’esercito iracheno, diverse milizie sciite e i peshmerga curdi (i militari del governo autonomo del Kurdistan iracheno) hanno avviato le operazioni per riconquistare Mosul, la città di oltre 1,3 milioni di abitanti che si trova sotto il controllo dello Stato Islamico (o ISIS) dal giugno 2014.

La battaglia di Mosul era in preparazione da diverso tempo, l’esercito iracheno aveva lanciato su Mosul volantini per avvisare i residenti che gli scontri sarebbero iniziati presto. Gli abitanti hanno così cercato di scappare portando con loro le poche cose trasportabili.

La battaglia per il controllo di Mosul non è solo una delle tante battaglie contro lo Stato Islamico: Mosul è centrale sia dal punto di vista strategico – è l’ultima grande città dell’Iraq sotto il controllo dello Stato Islamico – sia da quello simbolico, perché è lì che Abu Bakr al Baghdadi, il capo dell’ISIS, si è autoproclamato Califfo nell’estate 2014.

Articolo di: Pietro Frattini



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Cliccando sul pulsante potrai accedere alla pagina di Facebook de IL MEMORIALE e commentare l'articolo.