La principessa Diana è morta

La principessa Diana è morta

Il 31 agosto 1997 alle 4,15 di mattina l’agenzia France Presse annuncia al mondo, con un flash di una sola riga, «La principessa Diana è morta».

La sera prima la fuga, poco prima di mezzanotte, dall’Hotel Ritz di Place Vendome (albergo di proprietà della famiglia Fayed è difesa disperata della loro privacy). Probabilmente vogliono raggiungere lo splendido «hotel-particulier» che Dodi possiede nel 16/mo arrondissement.

Ma la potente autovettura nera, cinquemila di cilindrata, nell’infilarsi nel sottovia a velocità elevatissima per sfuggire ai fotografi in moto, in una curva a sinistra imbocca in pieno il «pilastro e poi si accartoccia contro la parete del sottovia.

Si chiude a fisarmonica tutta la parte anteriore della macchina stritolando tutto quello che c’è all’interno. Il clacson suona a lungo e dalle lamiere spuntano gli air-bag gonfiati. Ma dentro l’autovettura c’è solo morte e strazio.
Nel punto dell’impatto, dopo la rimozione della Mercedes diventata ammasso informe di ferraglia; all’alba appaiono già dei mazzi di fiori dedicati ai fidanzati segreti.

Articolo di: Pietro Frattini



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento