McCain 6 anni di prigione in Vietnam

McCain 6 anni di prigione in Vietnam

Tutti conoscono il grande McCain politico e candidato alla casa bianca contro Obama, ma pochi sanno che ha combattuto con valore in Vietnam dove rimase prigioniero per 6 anni.

Il 26 ottobre 1967, dopo 23 operazioni aeree, il suo A-4 Skyhawk venne abbattuto dall'artiglieria contraerea nordvietnamita durante un attacco aereo sopra Hanoi.
McCain si ruppe entrambe le braccia ed una gamba durante l'espulsione d'emergenza, ed atterrò col suo paracadute nel lago Truc Bach.

Dopo essere quasi annegato, come si vede dalla foto, venne estratto da una folla inferocita, che cercò di linciarlo, rompendogli una spalla con il calcio di un fucile e ferendolo a colpi di baionetta alla caviglia ed all'inguine.
Dopo che la folla gli strappò via l'equipaggiamento e l'uniforme da pilota, venne fatto prigioniero e trasportato a bordo di un camion fino alla prigione di Hoa Lo, tristemente nota come "Hanoi Hilton" dove fu curato e interrogato.

Dopo il primo anno di prigionia, McCain raccontò che nell'agosto 1968 subì frequenti abusi e violenze nel corso dell'inizio di un programma di tortura dei nordvietnamiti, al fine di estorcere confessioni e dichiarazioni a scopo di propaganda politica. Fu infatti sottoposto a restrizioni con le corde e percosse per ogni due ore, soffrendo al tempo stesso di dissenteria. Nel corso della prigionia riportò inoltre fratture multiple alla gamba destra, alle costole e perse diversi denti. A causa delle gravi e ripetute torture subite, giunse al punto di tentare il suicidio in carcere, ma venne fermato dalle guardie.
Dopo gli accordi di pace di Parigi, verrà infine liberato il 14 marzo 1973 e, con indosso una camicia azzurra, prese un autobus con altri suoi ex-prigionieri per l'Aeroporto di Gia Lam, nel corso dell'Operazione Homecoming.
Tornato in patria in America, intraprese un lungo trattamento di riabilitazione fisica, ed ottenne una certa notorietà mediatica. Nel corso della prigionia perse 23 chili, perse parte della mobilità delle braccia (non gli era più possibile sollevarle al di sopra della testa) e i suoi capelli diventarono grigi. Per la sua esperienza come prigioniero di guerra, fu decorato con: la Silver Star Medal, il Legion of Merit, la Bronze Star Medal, la Navy Commendation Medal e il Purple Heart.

Articolo di: Luca Scuriatti



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Cliccando sul pulsante potrai accedere alla pagina di Facebook de IL MEMORIALE e commentare l'articolo.