Una promessa è una promessa, la storia di Antonio Mohamed

Una promessa è una promessa, la storia di Antonio Mohamed

Lui è Antonio Mohamed Argentino, allenatore di calcio ed ex giocatore del Monterrey in Messico. Non ha avuto una carriera internazionale, qualcuno forse lo ricorda per il litigio con Klopp al mondiale per club. Ai più è famoso per questo, ma in America latina quello che ha fatto breccia nei cuori della gente è stata la storia di questo signore.
Nel 2006, da tifoso argentino, girò tutta la Germania per seguire la Nazionale al mondiale portando con sé tutta la sua famiglia, sua moglie e i suoi 4 figli.
Ma durante il tragitto per andare a vedere Germania-Argentina, furono coinvolti in un terribile incidente stradale.
Mohamed rischiò quasi di perdere la gamba destra, ma quello che ebbe la peggio fu Farid, suo figlio di 9 anni tifoso per la squadra in cui giocò il papà, il Monterrey, che morì dopo 3 giorni di ospedale.
In punto di morte fece una promessa al piccolo: riportare il Monterrey a vincere il titolo messicano.
La vita di Mohamed però cambiò da quel giorno.
Depressione, la gamba che non si riprendeva, una promessa da mantenere, sensi di colpa... Perché nella sua testa era tutta "colpa" della sua passione se le cose erano andate così.
Antonio riprende l'uso della gamba, corona il suo sogno di diventare allenatore e ripartendo dalla gavetta in Argentina riporta l'Huracan in primera division argentina.
Viene notato in Europa, al Celta Vigo dove allena un anno riesce quindi a ottenere il suo obiettivo, rientrare in america latina, ritrova il suo amato Monterrey, finalmente da allenatore.
Il cerchio sembra chiudersi.
È arrivato il momento in cui nella finale di ritorno, Vangioni, terzino del Monterrey, butta dentro il rigore decisivo della lotteria.
Il resto della squadra corre a braccia aperte. La squadra ha vinto il titolo, il Monterrey è campeon de Mexico, lui invece inquadrato dalle telecamere rimane stranamente fermo, il telecronista non comprende cosa sia successo mentre lo riprendono che piange con un rosario in mano, non sanno che ha vinto qualcosa di più importante.
Lui ha vinto una promessa talmente pesante da non riuscire nemmeno a correre, resta immobile, fermo, scorre solo il suo pianto nel ricordo di Farid.

Perché una promessa è una promessa, ma la promessa di un papà vale doppio.

Articolo di: Pietro Frattini



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Ultimi commenti

Raccomandate on line