I 10 anni dell'U.S. Avellino in serie A

Avellino 1980-81 - Terremoto e penalizzazione non fermano una delle squadre più forti della serie A degli anni 80

11 giugno 1978, ultima giornata del campionato di serie B: l’Avellino, guidato in panchina dall’allenatore Paolo Carosi, vince 1-0 in casa della Sampdoria con rete di Mario Piga e conquista per la prima volta la promozione in serie A mantenendo due punti di vantaggio sul Monza.

In Irpinia è festa grande, mai i lupi biancoverdi hanno calcato i palcoscenici della serie A, mai lo stadio Partenio ha vissuto emozioni così forti. Tutta Italia è incuriosita dal piccolo Avellino, da questa squadra di provincia che in pochi anni è passata dalla serie C alla serie A.

L’Avellino ha scritto una pagina storica ed indelebile nel panorama sportivo italiano ed il 15 maggio del 1988 lascia la serie A fra i virtuali applausi di tutto il paese. Inter-Avellino 1-1 è ad oggi l’ultima partita degli irpini in serie A che proprio a San Siro dieci anni prima avevano esordito nella massima divisione nazionale, per uno strano gioco del destino che va a chiudere un cerchio mai più riaperto ma tuttora di indimenticabile nostalgia.

Articolo di: Alfredo Adamo



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento