Come nasce una canzone: Minuetto

Come nasce una canzone: “Minuetto” di Mia Martini

Arrivato un anno dopo “Piccolo uomo”, – era il 1973 – il brano “Minuetto” è risultato il singolo più venduto nel repertorio di Mia Martini, la cantante calabrese stroncata da un infarto il 12 maggio del 1995.
Autore del testo intenso e malinconico, un non ancora noto Franco Califano che in quell’occasione collabora con Dario Baldan Bembo.
La riscrittura del testo di Califano fu un successo. Trasformò le sue parole unite alla voce di Mia Martini in un capolavoro, un successo discografico che schizzò in vetta alla top-ten dei 45 giri più venduti, conquistandosi il secondo posto per trenta settimane consecutive.

Tutto da assaporare il testo della canzone che rappresenta lo sfogo di una donna, schiava di una relazione insoddisfacente con le ore tutte uguali di una donna, schiava del suo uomo, il quale prende ciò che vuole e se ne va quando vuole, tuttavia non riesce a porre fine. Poi, però, prevale la consapevolezza dell’impossibilità di un epilogo positivo per quella storia d’amore e l’amarezza per il tempo perduto.

Califano, in un'intervista citerà: "Il nostro incontro risale al ’73. Avevo appena finito di comporre “Minuetto” e sentii subito che si trattava di un pezzo del quale Mia Martini avrebbe colto perfettamente tutte le sfumature, la sua storia di amore disperato."


« ....Sono sempre tua, quando vuoi, nelle notti più che mai,
dormi qui, te ne vai, sono sempre fatti tuoi.?
Tanto sai che quassù male che ti vada avrai?
tutta me, se ti andrà, per una notte... sono tua...?
la notte a casa mia, sono tua, sono mille volte tua... »

 

Articolo di: Luca Scuriatti



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Cliccando sul pulsante potrai accedere alla pagina di Facebook de IL MEMORIALE e commentare l'articolo.