John Lennon firma un autografo al suo assassino

La morte di John Lennon

Era il giorno 8 dicembre 1980, a Manhattan e Chapman aspettava fuori l'appartamento di Lennon.
Lennon e Yoko uscirono la mattina e Chapman gli chiese di firmare un autografo (aveva un disco di edizione speciale). La foto fatta da un'altro ammiratore ritrae il momento dell'autografo di Lennon a Chapman.

Chapman poi tornò fuori dall'appartamento di Lennon e aspettò diverse ore leggendo "The Catcher in The Rye" ("il giovane olden") un libro in cui era infatuato.

Intorno alle 22:50 Lennon stava ritornando dallo studio di registrazione quella sera trasportando nastri sotto il suo braccio quando Chapman lo vide ed esplose contro di lui cinque colpi di pistola colpendolo quattro volte (il quinto colpo non andò a segno) mentre esclamava: «Hey, Mr. Lennon».

Uno dei proiettili trapassò l'aorta e Lennon fece in tempo a fare ancora qualche passo mormorando «I was shot…» (mi hanno sparato), prima di cadere al suolo perdendo i sensi. Soccorso da una pattuglia di polizia, Lennon perse conoscenza durante la corsa verso il Roosevelt Hospital, dove fu dichiarato morto alle 23.07.

Articolo di: Pietro Frattini



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento