Il giorno in cui il pagliaccio pianse

Il giorno che il Clown pianse

Esiste un film di Jerry Lewis che nessuno ha visto, basato sulla storia di clown tedesco deportato dai nazisti che nel lager intrattiene bambini ebrei destinati alle camere a gas: è la storia di Helmut Doork che Jerry Lewis ha trasformato in un film sulla Shoah mai uscito nelle sale.

Il 30 agosto 2015 la Biblioteca del Congresso ha acquistato ‘The Day the Clown Cried’ sottoscrivendo l'impegno a non renderla pubblica per almeno 10 anni così da renderlo visibile presumibilmente dopo la morte di Jerry Lewis.
È la condizione posta da Jerry Lewis, che realizzò The Day the Clown Cried nel 1971 in Svezia, portando a termine riprese e montaggio fino alla stampa della prima pellicola ma poi decidendo di non distribuirla, e di non farne alcuna copia, facendola entrare negli annali dei film «perduti».

Lewis resta convinto che la pellicola non vada mostrata al pubblico e il veto decennale posto alla Biblioteca del Congresso viene spiegato dallo stesso Lewis in un'intervista a Entertainment Weekly nel 2009: «Ci sono due possibilità, può essere meglio di Citizen Kane oppure la peggior produzione ripresa da un proiettore». Ovvero, è un gioiello oppure un orrore della Storia del cinema.
«Nessuno lo vedrà perché mi vergogno della sua qualità, quando me ne sarò andato chissà cosa ne avverrà - si chiese allora Jerry Lewis - l'unica cosa che sento è che forse un giorno un giovane avrà l'idea di riprendere il tema ed è una prospettiva che mi piace perché potrà uscirne fuori un grande film».
Come dire, l'idea di fondo del copione era buona e il remake potrebbe funzionare, lasciandosi alle spalle un prodotto originale assai ambiguo.

Articolo di: Pietro Frattini



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento