Viene presentato il primo PC della storia: Olivetti P101

Viene presentato il primo PC della storia: Olivetti P101

Il 22 aprile 1964, si apriva sotto la pioggia a New York la fiera mondiale dove verrà presentato il primo personal computer della storia. L’Italianissimo P101 della Olivetti.

Nel mondo dell’informatica vengono utilizzati quasi esclusivamente termini in lingua inglese, anche se per molti il primo personal computer (abbreviato in Pc) è un progetto al 100% italiano. L’idea del primo Pc prese forma nel 1962 nella mente dell’ingegnere Pier Giorgio Perotto e del suo team e prima di diventare nota con il nome di Programma 101 fu ribattezzato “Olivetti Perottina”, in omaggio al suo ideatore.

Olivetti decise di puntare sul costo concorrenziale della macchina: 3200 dollari contro il 18mila necessari per l’acquisto di un Pdp-8 della Digital Equipment Corporation. Oltre al prezzo concorrenziale, il progenitore del Pc era facilmente programmabile, rendendo superfluo l’intervento di tecnici specializzati. Questi due aspetti fondamentali gli assicurarono un successo inimmaginabile, con 44mila esemplari venduti in tutto il mondo. Il 90% delle vendite avvenne negli Stati Uniti, influenzando il futuro mercato a tal punto che in una campagna pubblicitaria della Apple di alcuni anni fa la macchina Olivetti era inserita tra i computer che hanno segnato la storia dell’informatica.

L’azienda di Ivrea contribuì anche allo sbarco sulla Luna degli astronauti della missione Apollo 11 nel 1969. La Nasa acquistò una decina di P101 e li utilizzò per pianificare alcuni aspetti fondamentali della missione, come la compilazione delle mappe lunari, la scelta della località di allunaggio e il calcolo della traiettoria del viaggio.

Articolo di: Pietro Frattini



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento