Robert Liston, il chirurgo del 1800 che uccise 3 persone in una singola operazione

Robert Liston, il chirurgo del 1800 che uccise 3 persone in una singola operazione

Robert Liston (1794-1847) fu un chirurgo scozzese, noto per le sue tecniche pionieristiche. Egli era noto per la sua abilità di chirurgo, in un’epoca in cui la velocità delle operazioni era questione di vita o di morte a causa della mancanza di anestesia.

Liston divenne primo docente di chirurgia clinica al college di Londra, nel 1835. Egli era in grado di amputare una gamba in 2:30, aumentando le probabilità di sopravvivenza del paziente. Alcune fonti riportano un’amputazione della durata di soli 28 secondi.

Si trattava di un’epoca della medicina in cui l’igiene non era considerata: i chirurghi operavano con camici incrostati di sangue, poiché la trasmissione delle infezioni non era nota.

Mentre Liston amputava una gamba, amputò anche le dita del suo assistente. Sia il paziente che l’assistente morirono di gangrena (infezione), e morì anche uno spettatore che assisteva all’operazione per lo spavento. Fu l’unica operazione con un tasso di mortalità del 300%.

Articolo di: Antonio Schivardi



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Cliccando sul pulsante potrai accedere alla pagina di Facebook de IL MEMORIALE e commentare l'articolo.