Lo sputnik, il primo oggetto nello spazio

Lo sputnik, il primo oggetto nello spazio

Il 4 ottobre 1957 dalla base sovietica di Baikonur, nel Kazakhstan, veniva lanciato il satellite che con il suo ‘bip, bip’ avrebbe sconvolto il mondo.

La piccola sfera lucida, realizzata in una lega di alluminio e con quattro lunghe antenne orientate nella stessa direzione era il primo oggetto costruito dall’uomo ad orbitare attorno alla Terra.

Con un diametro di 58,42 centimetri e pesante 83,46 kg, lo Sputnik era una piccola sfera contenente all’interno la strumentazione occorrente all’invio di due impulsi radio su due frequenze diverse, i famosi bip bip. Alla sfera erano collegate quattro antenne, due delle quali lunghe 2,39 metri e due da 2,90 metri.

I due radiotrasmettitori, della potenza di un Watt, emettevano entrambi segnali della durata di 0,3 secondi, separati da pause della stessa durata. L’analisi dei radiosegnali premetteva di studiare la densità dello strato più alto dell’atmosfera.

Le batterie dello Sputnik smisero di funzionare il 26 ottobre 1957 ed il successivo 4 gennaio 1958 lasciò la sua orbita per bruciare nell’impatto con l’atmosfera, dopo aver percorso circa 60 milioni di chilometri.

Ma ormai l’uomo era lanciato alla conquista dello spazio. Quel lancio segnò l’inizio di una fredda competizione fra le due maggiori Potenze della Terra.

Articolo di: Valentina Rossi



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Raccomandate on line