Omicidi di stato in Russia - Politkovskaja

Omicidi di stato in Russia

E' il 7 Ottobre 2006, Anna Politkovskaja, giornalista molto famosa in Russia per le sue  condanne verso l'Esercito e il Governo Russo per il non rispetto dimostrato dei diritti civili e dello stato di diritto, sia in Russia che in Cecenia sta rientrando a casa.

Deve fare gli ultimi ritocchi all'articolo che uscirà a breve sulle torture commesse dalle forze di sicurezza cecene legate al Primo Ministro Ramsan Kadyrov.

Anna entra in ascensore, sente qualcun'altro avvicinarsi, si gira: tre colpi di pistola da brevissima distanza la raggiungono al corpo e uno alla testa.

Anna muore per il suo impegno sul fronte dei diritti umani, per i suoi reportage dalla Cecenia e per la sua opposizione al Presidente Vladimir Putin. In molti non hanno dubbi sul nome del mandante.

Putin affermò nei giorni seguenti che l'omicidio fu portato a termine dai suoi stessi oppositori per screditarlo. Il colpevole non verrà mai trovato.

Articolo di: Pietro Frattini



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento