Frasi celebri di Luciano De Crescenzo [Prima parte]

Frasi celebri di Luciano De Crescenzo

“Al Niente preferisco l'Inferno, se non altro per la conversazione.”

“Dopo morto i critici parleranno tutti bene di me. Peccato che non ci sia un Premio Strega alla memoria.”

“Cominciamo dai più piccoli, dai ragazzini delle elementari, e spieghiamo loro che cos'è il rispetto verso i deboli. Chissà che col tempo non diminuiscano anche gli stupri.”

“A quanti vogliono sapere se io sono di centro destra o di centro sinistra, io rispondo che sono del centro storico.”

“Non esistono razze, categorie o popoli cattivi, ma solo singoli individui non dotati di pietà”

“I vecchi che posseggono il senso dell'humour hanno diritto al trenta per cento di sconto sull'età.”

“Il pregiudizioè un limite di chi lo attua, non di chi lo riceve.”

“L'Auditel, in quanto gradimento della maggioranza, rappresenta la stupidità media di una nazione con conseguenze a dir poco catastrofiche. E vediamo perché. La parola audience(che, attenzione, si scrive audience ma che si pronunzia odiens, proprio per sottolinearne la pericolosità) produce un abbassamento della qualità di tutti i programmi televisivi. La tv, infatti, proprio per andare incontro al gusto delle masse abbassa il proprio gusto fino a farlo coincidere con quello della maggioranza.”

"Solo gli imbecillinon hanno dubbi"; "Ne sei sicuro?"; "Non ho alcun dubbio!"

“A volte penso addirittura che Napoli possa essere ancora l'ultima speranza che resta alla razza umana.”

“ l'umanità si dividein quelli che si fanno la doccia e in quelli che si fanno il bagno.”

“Se viene fatto con amore il caffè può diventare buonissimo. Veda: quello il caffè da dentro alla caffettiera lo sente se c'è simpatia tra chi lo sta facendo e chi se lo deve bere.“

“Lei deve sapere, carissimo ingegnere, che il caffè non è propriamente un liquido, ma è come dire una cosa di mezzo tra un liquido ed un aeriforme, insomma una cosa che non appena entra a contatto con il palato sublima, ed invece di scendere sale, sale, vi entra nel cervello e là resta quasi a tenervi compagnia, e così succede che uno per ore ed ore lavora e pensa: ma che bellu' cafè ca me so pigliato stamattina.”

“quando un cristiano sente il desiderio di prendere un caffè, non è perché vuole bere un caffè, ma perché ha avvertito il bisogno di entrare di nuovo in contatto con l'umanità, e quindi deve interrompere il lavoro che sta facendo, invitare uno o più colleghi ad andare a prendersi il caffè insieme, camminare al sole fino al bar preferito, vincere una piccola gara con annessa colluttazione per chi offre i suddetti caffè, fare un complimento alla cassiera, due chiacchiere sportive con il barista ed il tutto senza dare alcuna istruzione sul tipo di caffè preferito, dal momento che un vero barista deve già conoscere il gusto del suo cliente. Tutto ciò è rito, è religione, e lei non me lo può sostituire con una macchinetta che da una parte si ingoia le cento lire e dall'altra mi versa un liquido anonimo e inodore! “

“la parola esagerazione non esiste nel vocabolario dell'amore.”

“Per farsi un amico ci vuole quasi una vita. Bisogna essere stati poveri insieme e qualche volta felici.”

“diciamo che oggi il settanta per cento dell'umanità si muore ancora di fame, [...] e che il trenta per cento fa la dieta.”

“il potere non sazia, anzi è come una droga e richiede sempre dosi maggiori.”

“Siamo angeli con un'ala soltanto e possiamo volare solo restando abbracciati.”

“Due rette parallele s'incontrano solo all'infinito quando ormai non gliene frega più niente.”

“Il massimo della vanità è scrivere i propri pensieri, nascondere il quaderno e sperare che qualcuno lo trovi.”

“Il Medioevo è passato alla storia come il periodo dei secoli bui. Nessuno, però, mi ha spiegato chi era stato a spegnere la luce.”

“Io non sono te e tu non sei me. Però, tutti e due siamo noi.”

“La gioventù, la maturità e la vecchiaia sono tre periodi della vitache potremmo ribattezzare "rivoluzione, riflessione e televisione". Si comincia col voler cambiare il mondo e si finisce col cambiare i canali.”

“Nessuno è più infelice di un guardone in un campo di nudisti.”

“Sono affetto dal Dubbio Positivo. Ho sostituito il verbo "credere" con il verbo "sperare".”

Articolo di: Pietro Frattini



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento