Il Mundus Cereris la tradizione oscura dell’antica Roma

Il Mundus Cereris la tradizione oscura dell’antica Roma

Nell'antica Roma esisteva una ricorrenza simile ad Halloween.

Tre volte all'anno infatti il Mundus Cereris, una sorta di porta infernale che si trovava nel Foro Romano (ancora oggi visibile vicino l’Arco di Settimio Severo), veniva aperto e in questi giorni le divinità infernali e gli spiriti uscivano dall'apertura e vagavano nel mondo dei vivi.

Durante questi giorni le porte dei templi dovevano restare chiuse, ed era proibito dare battaglia e prendere moglie.

Il mundus Cereris (mundus di Cerere) è parte di una delle tradizioni più oscure e antiche della religione romana arcaica ma l'origine del rituale ad essa collegata è molto probabilmente di matrice etrusca.

 Il rito prevedeva infatti che il 24 agosto, il 5 ottobre e l'8 novembre il mundus fosse aperto e pertanto quei giorni erano segnati nel calendario con la dicitura mundus patet, il mundus è aperto.

L'apertura del mundus metteva in comunicazione il mondo dei vivi e quello dei morti, per questo era proibita ogni attività ufficiale, di fatto una forte correlazione con le origini della tradizione di Halloween.

Articolo di: Filippa Marinetti



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento