Scozia, orrore nell’orfanotrofio . Sepolti in una fossa comune i corpi di almeno 400 bambini

Scozia, fossa comune in orfanotrofio

La Bbc rivela che almeno 400 tra bambini e neonati sono morti tra il 1864 e il 1981 nell’ex orfanotrofio Smyllum Park a Lanark, gestito da suore cattoliche, e i loro corpi sono stati sepolti in una fossa comune anonima.

Interpellate dai giornalisti, le religiose dell’ordine «The Daughters of Charity of St Vincent de Paul», che gestivano l’orfanotrofio, si sono rifiutate di commentare la notizia.
Il precedente in Irlanda

L’indagine del programma «File on Four», di Bbc Radio 4, e del domenicale Sunday Post ricorda anche il caso emerso nel marzo scorso in Irlanda, dove venne ritrovata una fossa comune in un ex orfanotrofio cattolico con i resti di circa 800 bimbi.

Il Sunday Post scrive che 402 corpi di neonati e bambini sarebbero stati sepolti in una grande fossa comune nel vicino cimitero di Lanarkshire. Le tombe delle suore e dello staff dell’orfanotrofio sono contraddistinte da lapidi individuali, mentre nulla ricorda i nomi dei piccoli deceduti mentre erano affidati alle cura dell’istituto, chiuso nel 1981 dopo aver assistito circa 11.600 bambini in quasi 120 anni di attività. I piccoli sarebbero morti perlopiù di cause naturali: di malattie piuttosto comuni ae letali a cavallo tra ‘800 e ‘900, come polmonite e tubercolosi.

Erano stati due ex «ospiti» dell’orfanotrofio, che avevano già denunciato pubblicamente gli abusi subiti nella struttura, a scoprire una prima fossa nel 2003. L’indagine giornalistica ha confermato la loro storia e svelato che la pratica di seppellire i piccoli in questo modo era la normalità. Durissimo il commento dell’ex primo ministro scozzese, Jack McConnell, che già nel 2004 si scusò, a nome del governo scozzese: «E’ straziante scoprire che così tanti bambini siano stati seppelliti in una fossa comune — ha detto al Sunday Post —. Dopo tanti anni di silenzio, dobbiamo sapere la verità su ciò che è avvenuto là dentro».

Articolo di: Pietro Frattini



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Raccomandate on line