Viene uccisa Hevrin Khalaf

Viene uccisa Hevrin Khalaf

Hevrin Khalaf era una politica curda con cittadinanza siriana, segretaria generale del Partito della Siria del Futuro.

Paladina dei diritti civili delle donne, laureata in ingegneria civile, chi la conosceva parlava di lei come una sorta "ministro degli Esteri" del Rojava. Si batteva anche per la coesistenza pacifica fra curdi, cristiano-siriaci e arabi ed era molto apprezzata da tutte le comunità.

il Partito per il Futuro della Siria, aveva affermato tra i suoi principi la laicità dello Stato, oltre che quello di una Siria "multi identitaria", della "rinuncia alla violenza" in favore di una "lotta pacifica per la risoluzione delle controversie", dell' "eguaglianza tra uomini e donne" e del rispetto delle risoluzioni delle nazioni Unite, "in particolare la risoluzione 2254, secondo cui tutte le fazioni del popolo siriano dovrebbero essere rappresentate nel processo politico, compresa la stesura di una nuova costituzione".

Venne assassinata il 12 ottobre 2019 da Ahrar al-Sharqiya, fazione dell’Esercito nazionale siriano alleato della Turchia e responsabile di altre esecuzioni sommarie.

Il fuoristrada Toyota che la trasportava è stata fermato sull’autostrada M4, tra Manbij e Qamishlo, da un gruppo di uomini armati. E’ stato ritrovato crivellato di colpi. Hevrin è stata fatta scendere e poi uccisa a colpi di fucile mitragliatore.

Articolo di: Filippa Marinetti



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento