La grande muraglia Cinese, 1000 anni di pace

La grande muraglia Cinese, 1000 anni di pace

La storia della Grande Muraglia Cinese è iniziata con il periodo delle Primavera e degli Autunni (770 – 476 a.C.), quando diversi stati iniziarono la costruzione di mura difensive sui confini per le tante guerre feudali interne alla Cina.

La Grande muraglia cinese come la intendiamo oggi è però una gigantesca costruzione in muratura edificata durante il regno di Quin (221 a.C.-206 d.C.) che avendo unificato tutto l’impero unì i vari tronconi di mura per fare una unica difesa per i confini settentrionali del Paese e collegare una serie di fortezze.

Terminati i lavori, la Grande Muraglia della dinastia Qin aveva già una lunghezza di oltre 5000 kme si estendeva da Linrao nella provincia del Gansu fino alla penisola di Liaodong, nella provincia di Liaoning. Presto divenne famosa con il nome di Wanli Chang Cheng, ovvero "la muraglia dei 10 mila Li" (l'unità tradizionale di misura Li equivale circa a mezzo chilometro).

Sopra di essa correva una strada per permettere ai messaggeri, in caso di pericolo, di dare l’allarme e di far accorrere le truppe. La Grande muraglia infatti avrebbe dovuto servire come frontiera invalicabile per le numerose tribù nomadi, per lo più di origine mongola, che continuamente minacciavano di invadere la Cina.

Per quasi 1000 anni ha protetto la Cina Settentrionale dalle invasioni, ma la Grande Muraglia non è riuscita a fermare il famigerato condottiero mongolo Gengis Khan e il suo erede Kublai Khan che nel XIII secolo conquistarono la Cina dando origine alla dinastia Yuan (1279 – 1368).

La dinastia Yuan segna il primo periodo nella storia cinese in cui l'intero territorio imperiale venne conquistato ed amministrato da un'etnia strainera non cinese. I Mongoli gestivano un impero così vasto che non si interessarono affatto alle condizioni della Grande Muraglia, dato che Cina, Mongolia e i territori a Ovest erano ormai diventati un unico impero e la grande muraglia fu abbandonata per decenni.

Nel 1368 i cinesi tornarono al potere grazie al leader dei ribelli, Zhu Yuanzhang, che divenne il primo imperatore della nuova dinastia Ming  e la Grande Muraglia venne ricostruita nell'arco di un progetto di 100 anni (Le sezioni vicino a Pechino come Badaling e Mutianyu risalgono a questo periodo).

Fu una breccia nella Grande Muraglia presso il passo di Shanhai che nel 1644 segnò la fine della dinastia Ming. I Mancesi, una popolazione del Nord, salirono al potere e fondarono la dinastia Qing (1644 - 1911), la seconda dinastia etnicamente non cinese che cadde solamente con la guerra civile e la creazione della Repubblica di Cina.

Questo segnò la fine dei lavori di rafforzamento della muraglia fino a quando, nella seconda metà del XX secolo, il governo della Repubblica Popolare Cinese finanziò i primi lavori per il restauro e l'apertura al pubblico.

La Grande muraglia ha una lunghezza di 3.460 chilometri, a cui vanno aggiunti 2.860 di ramificazioni e contrafforti. L’altezza varia da 4,5 a 12 metri, mentre lo spessore raggiunge i 9 metri e mezzo.

Articolo di: Antonio Schivardi



Personaggi citati nell'articolo

Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Raccomandate on line