Un black-out totale lasciò l’Italia completamente al buio per dodici ore

Un black-out totale lasciò l’Italia completamente al buio per dodici ore

Erano le 3:20 della notte tra sabato 27 e domenica 28 settembre 2003, quando il più lungo black-out della rete elettrica italiana fece piombare nel buio la nostra penisola per ben 12 ore consecutive, Sardegna e isole minori escluse perché dotate di reti autonome.

Treni fermi, in ritardo, soppressi. Gente bloccata nei metrò. Negli aeroporti file e difficoltà ai check in. Centralini del 118 tempestati di chiamate, i vigili del fuoco intervengono per liberare le persone bloccate negli ascensori. L’acqua non scorre più in molte case, gli allarmi antifurto degli appartamenti e dei negozi cominciano a suonare.

I motivi, inizialmente, non sono chiari. Si pensa soprattutto ad un sovraccarico di energia dovuta agli eccessivi consumi dei condizionatori, a seguito del gran caldo registrato nel corso dell’estate appena finita. Ma nelle ore successive tutto viene chiarito: si è trattato di un incidente dovuto alla caduta di un albero finito, intorno alle 3:00, su un traliccio della linea svizzera Lavorgo-Melten ad alta tensione.

Il carico si è quindi propagato alle altre linee, che si sono infine aperte perché andate anch’esse oltre i limiti. Prima delle 3:30 tutte le linee ad alta portata Svizzera-Italia si aprirono, e considerando che l’Italia importava proprio da lì il 25% del carico totale di energia, l’improvviso calo di potenza provocò al sistema elettrico italiano forti instabilità di tensione, innescando una reazione a catena che in meno di tre minuti portò al black-out. di riattivazione portarono, entro le 5:00, al recupero del 20% della corrente al Nord, che alle 9:00 aveva già ripristinato tutti i collegamenti.

Al Sud e al Centro il processo per ristabilire la normalità fu più lento: alle 16:30 la luce tornò sull’Italia centrale, alle 19:00 al Sud, esclusa la Sicilia, dove la rete elettrica tornò a funzionare solo intorno alle 22 :00.

Articolo di: Filippa Marinetti



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento

Raccomandate on line