La libreria dell’Abbazia di Admont

La libreria dell’Abbazia di Admont

L'Abbazia Benedettina di Admont fu fondata nel 1074 da Gebhard arcivescovo di Salisburgo, che inviò dei monaci dalla prestigiosa Abbazia di San Pietro. Nel 1152 andò quasi distrutta a causa di un grosso incendio e fu tempestivamente ricostruita con il contributo determinante dell'allora arcivescovo di Salisburgo, Sant'Everardo.

A partire dalla fine dell'XI secolo i monaci di Admont, che obbedivano alla regola di san Benedetto, iniziarono a collezionare manoscritti religiosi, copiati in un apposito laboratorio realizzato all'interno del monastero. Dopo l'invenzione della stampa, la collezione si arricchì di incunaboli e di edizioni originali di opere rare ed importanti.

Le guerre contro i Turchi e la riforma causarono un lungo declino del monastero, ma con la successiva Controriforma l'abbazia rifiorì e con le nuove idee illuministe prese corpo un grande progetto che aveva l'ambizione di mettere l'abbazia di Admont sullo stesso piano dell'Escorial di Madrid. Di questo grandioso progetto fu realizzata la grande biblioteca terminata nel 1776.

Nel 1865 un incendio disastroso distrusse quasi il tutto il monastero, ma risparmiò la biblioteca.

Le crisi economiche degli anni 30 obbligarono l'abbazia ad alienare molti dei propri tesori d'arte. Durante il periodo nazista il monastero fu prima occupato dall'esercito e quindi chiuso ed i monaci allontanati.

Ripristinata nel dopoguerra, l'abbazia, dove ora vivono 27 monaci, ha potuto riprendere la sua tradizione di salvaguardia del patrimonio culturale: dal 1997 colleziona ed espone le opere di artisti austriaci contemporanei. Nel maggio del 2003, accanto alla grande biblioteca è stato aperto il nuovo museo d'arte contemporanea.

Oggi l'abbazia di Admont è un centro di fede e cultura d'importanza internazionale.

Oggi nella biblioteca benedettina sono raccolte 180 000 opere, fra le quali 1400 manoscritti, alcuni dei quali risalenti all'VIII secolo, e 530 incunaboli.

Articolo di: Antonio Schivardi



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento