Inaugurazione dell’Empire State Building

Inaugurazione dell’Empire State Building

Il 1º Maggio 1931 dopo soli ventuno mesi dall’inizio del progetto fu inauguraro l’Empire State Building.

Il 7 aprile 1930, appena sei mesi dopo la posa dei primi pilastri portanti, lo scheletro in acciaio svettava fino all’85° piano. I lavori di costruzione e finitura dell’edificio, compreso il pilone di ormeggio che ne portava l’altezza all’equivalente di 102 piani, vennero terminati solo undici mesi dopo, nel marzo del 1931.

Sorprendente quindi è il fatto che l’Empire State venne progettato, eretto e messo a disposizione degli inquilini in soli ventuno mesi dal primo contratto firmato con gli architetti nel settembre 1929 alla festa d’inaugurazione il 1° Maggio 1931.

In tutto questo periodo vennero preparati i disegni e le piante, demolito il precedente blocco di epoca vittoriana dell’Hotel Waldorf-Astoria sul lotto che avrebbe dovuto poi ospitare il grattacielo, scavate e posate le fondazioni ed i telai di fondazione, fusi e laminati, secondo precise specifiche, i pilastri e le travi in acciaio, posati dieci milioni di mattoni ordinari, fusi più di 47.400 mc di c.l.s., montate 6.400 finestre ed installati 67 ascensori in 11,27 km di vani appositi.

Nei periodi di attività più intensa, il cantiere occupava 3.500 operai e lo scheletro cresceva di oltre un piano al giorno. Da allora, nessuna struttura paragonabile ha mai fatto registrare un simile tasso di crescita.

Articolo di: Antonio Schivardi



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento