La prima fotografia della storia

La prima fotografia della storia

La prima fotografia nella storia fu scattata nel 1826 daJoseph Nicéphore Niépce.
Niépce maturò il proposito di eseguire immagini per la stampa litografica senza l'intervento di un disegnatore.
Per imprimere le immagini della camera oscura su una lastra da incisore ebbe l'idea di impiegare il bitume di giudea, sostanza costituita da bitume, standolio, argilla ed essenza di trementina in grado di fronteggiare l'azione dell'acido ove non fosse richiesta.
Niépce, dunque, cospargeva le lastre destinate a essere incise con l'acido con un sottile strato di bitume e le collocava sul fondo della camera oscura.
Questo prodotto rendeva le lastre estremamente fotosensibili, a tal punto che - dopo un'esposizione di diverse ore - le parti esposte alla luce si scolorivano e si indurivano, mentre le regioni scure del supporto non subivano alterazioni.
La lamina veniva dunque disciolta in essenza di lavanda, così da rimuovere il bitume in eccesso, e cosparsa di inchiostro, che si depositava nelle zone scure, quelle interessate dall'acido. Terminato questo procedimento, appariva l'immagine fotografica vera e propria.
Questo procedimento, battezzato dal Niépce «eliografia», conobbe in seguito numerosi perfezionamenti e portò nel 1827 allo sviluppo della prima ripresa fotografica della storia, Veduta dalla finestra a Le Gras.
A essere ritratto era, per l'appunto, il panorama visibile dallo studio del fotografo, con vari tetti e fabbricati edilizi. La qualità dell'immagine, riprodotta ovviamente in bianco e nero, è molto povera, ed è compromessa dai contorni poco nitidi e dall'inadeguatezza della messa a fuoco. Fu, in ogni caso, di un'opera rivoluzionaria, trattandosi della prima immagine prodotta senza l'intervento dell'uomo.

Articolo di: Pietro Frattini



Stiamo inviando il tuo commento.

Lascia un commento